Seo Creative Writing

logo seo creative writing blog

Seo Creative Writing

Blog di Scrittura Creativa e Ottimizzata per il Web

SOCIAL MEDIA MARKETING

Come condividere post di Instagram su Facebook

Come condividere i post di Instagram su Facebook

Lo sapevi che puoi condividere i post di Instagram su Facebook? Nell’articolo precedente abbiamo visto come condividere i post di Instagram nelle Storie. Qui di seguito ti mostro alcune funzioni utili per condividere i post di Instagram su Facebook.

Come condividere i post di Instagram su Facebook

La funzione “Copia link”

La funzione Copia link è utile sia per condividere un post tuo (video o foto che hai caricato tu), sia per condividere contenuti di altri utenti.

1. Scegli il post di tuo interesse e poi clicca sui tre puntini in alto a destra del post.

2. Seleziona la funzione “Copia link”. Uscirà l’avviso “Link copiato”.

3. A questo punto su Instagram non dovrai fare nulla. Vai nella tua bacheca di Facebook e incolla il contenuto copiato. Attendi che l’anteprima venga caricata e poi condividi, inserendo eventualmente una descrizione.

La funzione “Condividi su…”

Sempre cliccando sui tre puntini in alto destra del post di Instagram (tuo o di un altro utente) puoi accedere alla funzione “Condividi su…”.

Si apre un elenco di app. Solo se hai l’app di Facebook installata, puoi selezionare Facebook.

Condividi il post nella tua bacheca personale. Il post va a finire nella sezione Notizie. Puoi selezionare le impostazioni di privacy (a quali gruppi di utenti mostrare il post, ad esempio solo Amici) e anche creare un album nuovo di Facebook, dove il post andrà a finire.

Condividere un post di Instagram su una pagina Facebook

La funzione “Pubblica in altre app”

Per condividere contenuti di Instagram sulla tua pagina Facebook è necessario avere un Account Instagram professionale. Ecco come procedere.

1. Vai nella schermata del tuo profilo dove ci sono le tue foto.

2. Accedi alle Impostazioni di Instagram (le tre lineette in alto a destra).

3. Clicca su “Impostazioni” in basso.

4. Clicca su “Passa a un account professionale”. Scegli la categoria che ti rappresenta meglio tra “Creator” e “Azienda” e poi clicca su “Avanti”.

5. Seleziona la tua categoria e poi vai su “Fine”. Vedi un avviso che ti dice che l’account è stato creato correttamente.

6. Ora vai a “Modifica profilo” e alla voce “Pagina” collega la tua pagina Facebook. Ti vengono richiesti i dati di accesso a Facebook e la pagina da collegare.

Quando il tuo account Instagram era personale, avevi la possibilità di condividere il post solo nella tua bacheca personale di Facebook. Ora che l’account è professionale, quando clicchi sui tre puntini in alto a destra e poi su “Pubblica in altre app…”, ti appare la spunta sulla tua pagina.

La funzione “Pubblica in altre app…” vale solo per i tuoi post (e non per i post di altri utenti).

E’ probabile che la funzione “Pubblica in altre app…” con il collegamento alla pagina Facebook non sia subito disponibile ma si attivi solo dopo qualche ora o giorno.

Come condividere post di Instagram nelle Storie: i trucchi

Visibilità delle pagine Facebook: perché hai pochi like?

 

Come condividere post di Instagram nelle Storie i trucchi

Come condividere post di Instagram nelle Storie: i trucchi

Condividere post di Instagram nelle Storie non è una procedura immediata come su Facebook, ma è comunque possibile.
Se il tuo profilo Instagram ha pochi contenuti, ci sono alcuni trucchi per arricchirlo. Ricorda che un profilo Instagram attivo e produttivo, ottiene più visualizzazioni, like, commenti e follower!

Come condividere post di Instagram nelle Storie

Il modo migliore per tenere sempre attivo il tuo profilo Instagram è pubblicare contenuti nelle Storie. Condividere post su Instagram nelle Storie è molto facile ed è una delle nuove funzioni introdotte nel 2019. Di seguito vediamo come procedere.

1. Scegli un post che ti piace dal feed; può essere la foto tua o di un altro utente.

2. Clicca sulla freccia sotto al post (la classica icona di Direct).

3. Si apre una finestra dove si può cercare un utente per inviargli il post ma non è quello che interessa a te. Dovrai invece cliccare su “Aggiungi post alla tua Storia”.

4. A questo punto il post viene inglobato in una Storia. Se fai tap sulla foto, appare il nome utente (tuo o dell’utente proprietario del post) e le prime righe della descrizione del post. Fai tap nuovamente se non vuoi che queste informazioni appaiano.

5. Quando hai finito di aggiungere tutte le informazioni, clicca su “Invia a” e il post verrà condiviso nelle Storie.

Alcuni trucchi per animare le Storie con i nuovi effetti di Instagram

Puoi aggiungere a piacimento quello che vuoi dalle funzioni delle Storie (le trovi sempre in alto).
Se vuoi rendere più “animata” la Storia, mettendo uno sfondo più carino, clicca sulla prima icona in alto (la faccina che sorride con due stelline) e scegli uno sfondo da quelli che ti appaiono sotto. Alcuni sono animati mentre altri sono fissi, ma comunque molto scenografici.

Più che di sfondi si tratta di effetti o maschere da applicare alle foto scattate direttamente con la fotocamera delle Storie. Tuttavia possono fungere anche da sfondo quando si fa la condivisione dei post come in questo caso.

Come funziona la condivisione dei post di Instagram nelle Storie

Quando qualcuno vedrà la tua Storia e farà tap su di essa, apparirà la dicitura “Visualizza il post >”. Cliccando su questa dicitura si viene indirizzati al post originale. Io ti suggerisco di fare questa procedura per tutti i tuoi post, in modo da dare visibilità ad essi nelle Storie. Anche chi non ha visto il post, perché magari gli è sfuggito, potrà vederlo nelle Storie, andare direttamente nel profilo e mettere like o commentare.

Se il post è tuo (e non di un altro utente), puoi anche vedere quante persone oltre a te hanno condiviso il post nelle Storie. Clicca sui tre puntini in alto a destra nel post e poi su “Visualizza le ricondivisioni della Storia”.

Come ti ho spiegato all’inizio, puoi condividere post di Instagram nelle Storie sia quando il post originario è tuo, sia quando è di un altro utente. Tuttavia, in questo secondo caso, non hai la possibilità di accedere alle statistiche della funzione “Visualizza le ricondivisioni della Storia”.

Nel prossimo articolo ti spiego come condividere un post di Instagram su Facebook.

Come condividere i post di Instagram su Facebook

Come si calcola l’engagement su Instagram

Come vedere i like di Instagram: due metodi che non conosci

 

come creare un account tiktok

Come creare un account TikTok: cosa c’è da sapere

Qui trovi un breve tutorial su come creare un account TikTok, impostare le giuste funzioni, le notifiche, la privacy. Nell’articolo precedente invece ti ho parlato di come funziona TikTok, quindi se vuoi rileggerlo, clicca qui.

Come creare un account TikTok

1. Scaricare la app TikTok e iniziare a guardare i video

Per prima cosa, scarica la app TikTok dal Google Play Store (se hai uno smartphone Android) oppure dall’App Store della Apple (se hai un Iphone). Ti ricordo che TikTok funziona su qualunque device (smartphone o talet).
Una volta scaricata la app, aprila. Ti viene chiesto di indicare i tuoi interessi, perché così la app ti mostrerà i video più interessanti per te (comicità, vita quotidiana, bellezza e stile, auto, apprendimento, ecc…). Scegli quelli che più ti interessano e poi dai conferma.
Potrai subito iniziare a guardare i video. Per passare da un video ad un altro devi far scorrere il dito dal basso all’alto.

Tuttavia, per poter mettere like, commenti e caricare video, devi registrare il tuo account.

2. Registrare e creare un account TikTok

Per avviare la procedura di creazione di un account, prova a compiere una qualunque operazione, come ad esempio mettere like a un video (clicca sul cuore sotto ad un video). Ti verrà subito chiesto di registrarti.

Puoi creare un account TikTok in vari modi. Utilizza il tuo numero di telefono o la mail. Oppure il tuo accesso di Facebook, Google o Twitter. In questo secondo caso dovrai inserire i tuoi dati di accesso di Facebook, di Google oppure di Twitter.

Indica la tua data di nascita. Crea il tuo nome utente a piacimento. Lo puoi sempre cambiare una volta ogni 30 giorni. Per vedere il tuo profilo, clicca sull’icona dell’omino in basso a destra, dove c’è scritto “Me”.

3. Personalizzare il tuo account

La schermata del profilo è molto simile a Instagram. In alto trovi la tua immagine del profilo, sotto il tuo nickname preceduto dalla chiocciola, il numero dei seguiti, il numero dei follower. La novità rispetto a Instagram è il numero totale dei Mi piace ricevuti ai tuoi video caricati, che ovviamente sarà zero se non hai mai caricato video.

Sotto trovi un pulsante per modificare il profilo: puoi cambiare il nickname, il nome, la biografia e anche collegare il profilo al tuo account Instagram o al tuo canale YouTube. Puoi inserire un nuovo nome utente tutte le volte che vuoi, ma il nickname si può modificare solo una volta ogni 30 giorni.

Sempre da questo pulsante “Modifica profilo” hai la possibilità di caricare un breve video di 6 secondi, che sostituisce l’immagine del profilo e viene visualizzato in loop come se fosse un’immagine gif.

I video ai quali metti il cuore (like) vanno a finire nel tuo profilo nella sezione di destra indicata da un cuore (vicino all’icona del lucchetto). Se vuoi che gli altri utenti non vedano i video a cui hai messo like, devi andare nelle impostazioni (vedi il punto successivo), poi su “Impostazioni sulla privacy” e “Chi può vedere i video che ti piacciono”.

4. Regolare le impostazioni

Tutte le impostazioni (notifiche, privacy, lingua, ecc.) possono essere modificate, cliccando sui tre puntini in alto a destra. Da questo menu hai a disposizione diverse funzioni, tra le quali:

a) gestione account, per aggiungere numero di telefono, cambiare email, password, verificare i dati di accesso;

b) impostazioni della privacy, per rendere il profilo privato, avere annunci personalizzati, impostare dei blocchi di sicurezza e privacy;

c) notifiche, per attivarle o disabilitarle tutte o in parte;

d) lingua, per modificare la lingua dell’app.

Cos’è e come funziona TikTok, l’app del momento

 

 

 

 

 

 

Cos’è e come funziona TikTok, l’app del momento

Cos’è e come funziona TikTok, l’app del momento

Come funziona TikTok? Ne senti sempre parlare ma non lo hai mai provato? Lo hai scaricato e ci hai navigato un po’ ma non hai capito come funziona? Questo è il post giusto per scoprire qualcosa di più su questa nuova app.

Come funziona TikTok

TikTok offre un servizio di condivisione di video brevi per dispositivi mobili della durata massima di 1 minuto, con possibilità di aggiungere filtri ed effetti speciali. Le tematiche dei video sono molteplici ma tutte incentrate su creatività e divertimento.

Dove e quando è nato TikTok

Questa app di video è nata in Cina nel 2016; inizialmente si chiamava Musical.ly e infatti se oggi provi a cercare su Google “musical.ly” ti esce come primo risultato proprio TikTok. La app esce ufficialmente in Italia alla fine del 2018.

A chi è rivolto

Il target di riferimento sono gli adolescenti. Tuttavia negli ultimi tempi la app sta allargando la sua platea, soprattutto perché anche i personaggi famosi hanno aperto il loro account TikTok: Fiorello, Michelle Hunziker, Will Smith, Bruno Barbieri, Paulo Dybala, Selena Gomez, Arnold Schwarzenegger, Dwayne Johnson.

Cosa puoi trovare su TikTok

Su questa app puoi trovare video di vario tipo: meme, balli, video virali, tutorial, filmati di viaggi, momenti di vita.
Le categorie in cui vengono suddivisi i video sono queste: comicità, vita quotidiana, bellezza e stile, animali, film/tv e cinema, teatro, cibo, talento, apprendimento, amore e appuntamenti, sport, famiglia, auto, arti e mestieri, fai da te e trucchi di vita, fitness e salute, grottesco, ballo, casa e giardino, aria aperta.

Perché TikTok piace così tanto: i duetti

Ci sono diverse funzioni che piacciono molto agli utenti che usano questa app. In primis i “duetti”. Cos’è un duetto (chiamato anche “duo”)? E’ la possibilità di assemblare due video in uno solo. Viene utilizzato ad esempio da due utenti distanti l’uno dall’altro che si filmano e poi assemblano i due video facendoli sembrare una diretta chat. Lo schermo risulta diviso in due parti: a sinistra c’è un video e a destra l’altro video ma il sottofondo musicale è lo stesso.

Il boom di TikTok nel 2019

Nel 2019 in Italia si stima che gli utenti abbiano caricato in media 236 video al minuto su TikTok. Molti dei meme e dei trend che stanno spopolando in questi mesi sono nati su TikTok.

Se vuoi sapere come creare un account TikTok ti invito a leggere il prossimo articolo, dove ti spiego passo dopo passo la procedura e come impostare il tuo account (notifiche, privacy, preferenze).

Come creare un account TikTok: cosa c’è da sapere

A cosa serve il cancelletto su Instagram, ovvero gli Hashtag

 

 

La IGTV sparirà da Instagram a causa di TikTok

La IGTV sparirà da Instagram a causa di TikTok?

La IGTV sparirà da Instagram? Il servizio IGTV, che permette di caricare video di durata superiore ai 60 secondi e in verticale, sembra non aver ottenuto i risultati sperati, dopo un boom iniziale. Questa funzione non ha nemmeno due anni di vita, essendo uscita a giugno 2018.
Cerchiamo di capire il “gran caos” che ha creato Instagram con i video di IGTV.

Vuoi caricare un video di 10 secondi? Devi usare le storie

Le “Storie” di Instagram, quelle che appaiono nella home della app in alto, dentro i cerchi, hanno una durata di 10 secondi. Se carichi un video di durata superiore, viene spezzato in video di 10 secondi. Ad esempio, se vuoi postare un video di 23 secondi nelle Storie, verrà tagliato in tre video: due della durata di 10 secondi e uno di 3 secondi. Questa cosa non è molto piacevole, vero? Quei 10 secondi sono veramente pochi e lo spezzettamento crea disorientamento negli utenti.

Vuoi caricare un video di durata inferiore ai 60 secondi? Devi usare un post del feed

Se vuoi caricare un video intero di durata compresa nei 60 secondi, devi usare un post di Instagram (che andrà a finire nella “bacheca personale” e nel “feed”). Qui il video deve avere una forma più o meno quadrata e non verticale come i video delle Storie e di IGTV, altrimenti viene tagliato nel suo formato. Non trovi che sia fastidioso tutto ciò? Se fai foto e video con lo smartphone, saranno in verticale; e se li vuoi postare su una app, è ovvio che dovranno apparire in verticale. Perché quindi Instagram li scontorna? Non ho mai trovato nessuna risposta a questa domanda.

Vuoi caricare un video di durata superiore ai 60 secondi? Devi usare IGTV!

D’altro canto, la funzione IGTV, che ti consente di caricare video di durata da un minuto in su e in formato verticale, sembra non aver funzionato.

E’ stata addirittura creata la app per usare IGTV: ma perché creare una app, se c’è già la app di Instagram? Se andiamo nel Google Play Store per Android, la app di IGTV ha oltre 5 milioni di download e un punteggio di 4,0. Invece la app di Instagram ha oltre 1 miliardo di download e un punteggio di 4,5. Ciò significa che solo un numero limitato di utenti di Instagram usa la app di IGTV. Se facciamo la proporzione, quei 5 milioni di download sono lo 0,5% degli utenti Instagram.

Inoltre, se carichi il video da app, la durata massima è 15 minuti. Se lo carichi da pc è un’ora.
Che confusione, non capisco già più niente! Ma continuiamo a elencare i problemi di IGTV.

La IGTV sparirà da Instagram a causa di TikTok?

I primi segnali di cedimento della IGTV si sono visti a inizio del 2020, quando l’icona dell IGTV (il televisore stilizzato con il fulmine) è sparito dalla home della app Instagram. Prima si trovava in alto a destra.
Il social ha spiegato di aver tolto l’icona perché gli utenti non la utilizzano e preferiscono accedere a IGTV da altri canali. Davvero? Quali sono questi canali? Andiamo a cercarli.

Attualmente è possibile accedere alla IGTV solo cliccando sulla lente di ingrandimento della home di Instagram, che ti fa accedere alla pagina “Esplora”. In alto a sinistra riappare magicamente l’icona IGTV.

Altri canali di accesso possono essere i video postati da personaggi famosi sulla IGTV, che appaiono poi nel feed o nella pagina di “Esplora”. Questo è un segnale abbastanza preoccupante: gli utenti “normali” non caricano video sulla IGTV ma guardano i video dei personaggi famosi.

Se facciamo un giretto in questa IGTV, notiamo che effettivamente ci sono molti video di utenti “certificati” (hanno l’icona azzurra spuntata) e famosi. Ma soprattutto si tratta di video con migliaia di visualizzazioni, caricati da utenti che contano migliaia di follower.
Insomma IGTV sta diventando più come Twitter: un luogo per i “vip”.

Il problema di questo flop ha un nome: TikTok. Forse se non fosse uscita questa app, la IGTV avrebbe funzionato. Ma TikTok ha rovinato i piani. Su TikTok gli utenti che postano sono proprio quelle persone “normali” che mancano nella IGTV. E lì c’è solo una bacheca dove caricare video di durata compresa tra 15 secondi e un minuto e in verticale. Tutto è quindi più semplice!

Il mio esperimento con IGTV

Altro segnale di cedimento: in questi giorni ho provato a caricare un video in IGTV e ha ricevuto pochissime interazioni. Di solito con un post del Feed ottengo 200-500 like, commenti e salvataggi. Con questo video di IGTV ho ottenuto solo 78 like, 10 commenti, 2 salvataggi.

Inizialmente (un anno fa) le interazioni dei video di IGTV erano più alte. Forse Instagram stessa sta dando meno importanza ai video di IGTV, perché ha in mente di rivoluzionare la funzione?
Si vocifera che nei prossimi mesi Instagram toglierà i limiti temporali dei caricamenti.

Forse con questo escamotage riuscirà a scalzare il primato di TikTok? Se questa sarà l’unica miglioria apportata alla funzione di IGTV, difficilmente a mio avviso riuscirà nell’intento. Vederemo quali novità ci riserverà.

Come caricare video nella IGTV da pc

Ecco dove guardare le statistiche di IGTV per i tuoi video

Perché non vedi IGTV su Instagram? Dove è finita?

 

Ecco dove guardare le statistiche di IGTV per i tuoi video

Ecco dove guardare le statistiche di IGTV per i tuoi video

A differenza delle storie e dei post del feed, Instagram consente di controllare le statistiche di IGTV per i video che hai caricato.

Per vedere le statistiche è necessario prima di tutto avere un canale IGTV aperto e soprattutto bisogna aver caricato dei video in IGTV della durata superiore ad un minuto. I video del normale feed (quelli di durata massima di 1 minuto) non vengono infatti passati nella IGTV e quindi di quelli non hai le statistiche.

Ecco dove trovare le statistiche di IGTV per i video caricati

Per vedere le statistiche di IGTV per i video caricati, entra nella IGTV.

Per entrare in IGTV, basta posizionarsi nel proprio profilo: sotto la descrizione e le storie in evidenza trovi tre icone. La prima a sinistra è un quadrato diviso in 9 parti, che indica il tuo feed (foto e video di durata inferiore a 1 minuto). A destra c’è un quadrato con un omino che indica i tag. Al centro c’è la tv con il fulmine e quella è IGTV. Questa icona ti compare solo se hai caricato dei video in IGTV (per sapere come fare, leggi il mio articolo precedente), altrimenti non la vedi.

Appena clicchi sull’icona di IGTV ti appaiono i video caricati. Aprine uno a piacimento. Clicca sui tre puntini in basso, vicino alla freccia di Direct. Se scompaiono, fai tap sul monitor e riappariranno.

Quando clicchi sui tre puntini ti appare un menù: Elimina, Copia Link, Modifica, Salva, Visualizza i dati statistici, Tagga un partner commerciale. Vai a “Visualizza i dati statistici”.

Quali dati statistici vengono forniti da Instagram

Instagram ti fornisce informazioni su: titolo del video, data di caricamento, durata, interazioni (visualizzazioni, mi piace, commenti), mantenimento del pubblico (percentuale guardata in media e grafico).

Le visualizzazioni conteggiano non le persone che hanno guardato tutto il video, ma le persone che hanno guardato almeno 3 secondi del video.

Dal grafico ti accorgerai che la visione del video non è uniforme e spesso la percentuale del video visualizzata è molto bassa. E’ del tutto normale e accade così anche su altre piattaforme (Facebook, YouTube).

Il pubblico può vedere solo il numero totale delle visualizzazioni del video, i commenti e i mi piace. Le altre statistiche sui tuoi video invece sono informazioni riservate a te.

Inoltre le statistiche di IGTV sui tuoi video non sono visualizzabili nella versione desktop, ma solo da app.

Come caricare video nella IGTV da app

Come caricare video nella IGTV da pc

La IGTV sparirà da Instagram a causa di TikTok?

 

Come creare una chat di gruppo su Instagram

Come creare una chat di gruppo su Instagram

Vuoi ottenere più like e commenti ai tuoi post? Ecco come creare una chat di gruppo su Instagram dove condividere le tue pubblicazioni e chiedere ai membri di mettere cuoricini e commenti. La funzione è disponibile accedendo a Direct dalla home dell’app (l’icona a forma di freccia che punta in alto a destra).

Instagram li chiama “messaggi di gruppo” o “conversazioni di gruppo”. Altri li definiscono Instagram Pods o gruppi di auto-aiuto.

Perché creare una chat di gruppo su Instagram?

Le chat di gruppo su Instagram sono utili in vari casi. Ad esempio puoi scrivere ai membri di andare nel tuo profilo a mettere like alla tua nuova foto appena pubblicata. Oppure condividi nel gruppo la tua nuova foto e chiedi ai membri di mettere like e commenti. Stessa cosa per le storie, puoi postare nel gruppo una tua storia, invitando i membri a eseguire azioni su di essa, in modo da aumentarne la visibilità.

Insomma, gli utilizzi dei gruppi su Instagram sono infiniti e tutto dipende dai tuoi interessi.

Quanti membri si possono aggiungere ai gruppi?

Su Instagram il massimo di membri di un gruppo è 32. Anche per questo molti preferiscono creare “Pods” fuori da Instagram, magari su Telegram o Facebook, postando foto e chiedendo agli utenti di andare su Instagram a mettere like e commenti.

Non è necessario inserire in un gruppo di Instagram i tuoi amici più stretti o i parenti. Puoi aggiungere chi vuoi, anche se non lo conosci di persona. L’importante è che sia legato al gruppo da un interesse, ad esempio moto, cucina, viaggi, moda. E soprattutto ti consiglio di chiedere alla persona se vuole entrare nel gruppo. Non aggiungere membri senza il loro consenso o potresti venire segnalato per spam.

Tieni presente che quando aggiungi un utente ad un gruppo Instagram già avviato, lui potrà vedere i messaggi precedenti della conversazione, tranne foto e video temporanei.

Come creare una chat di gruppo su Instagram

1. Entra in Direct (l’icona con la freccia della messaggeria in alto a destra; la trovi nella home dell’app).

2. Fai clic in alto a destra dove c’è un’icona con un foglio e una penna.

3. Sei apre l’elenco dei tuoi amici. Seleziona due o più persone o cercarle tramite la barra di ricerca.

4. Clicca su Avanti (iOS) o Chat (Android).

5. Scrivi un messaggio e invialo. Hai la possibilità di inviare foto, audio, gif, emoticon, esattamente come in una chat di Direct normale.

6. Se vuoi, dai un nome alla chat di gruppo. In alto vedi infatti uno spazio bianco dove è scritto in grigio “Dai un nome a questo gruppo…”

7. Per aggiungere altre persone alla chat, clicca sulla “i” cerchiata in alto a destra e poi su “Aggiungi persone”.

Tramite la “i” cerchiata in alto a destra riesci ad accedere a molte funzioni della chat, come silenziare i messaggi, o le menzioni, o le videochiamate. Oppure spostare la chat dalla sezione “Principale” alla sezione “Generale” o inserire l’obbligo di approvazione per entrare nella chat.

Puoi anche abbandonare la chat e lasciare che la gestiscano gli altri membri. In alternativa termina la chat ed elimina tutti i partecipanti.

Come cancellare i commenti su Instagram

Perché vedi sempre gli stessi profili nel feed di Instagram?

 

Come cancellare i commenti su Instagram

Come cancellare i commenti su Instagram

Alcuni utenti scrivono frasi scomode sotto le tue foto e vuoi capire come cancellare i commenti su Instagram? Ci sono diversi metodi per mettere un freno definitivo a questi utenti fastidiosi. Vediamo nel dettaglio il primo metodo.

Come cancellare i commenti su Instagram dopo che sono stati scritti

Un primo metodo consiste nel cancellare manualmente il commento sgradito.
Ma fai attenzione a due cose.
a) Prima cosa: se cancelli il commento, scompare anche qualunque traccia del profilo che ti ha importunato e potrebbe quindi rifarlo in seguito. Devi essere bravo a ricordarti il nome utente, altrimenti non riuscirai più a trovarlo e a bloccarlo.
b) Seconda cosa: se blocchi l’utente, scompare dalla tua vista il commento sgradito. Ma bada bene: scompare dalla tua vista. Gli altri utenti continuano a vederlo!

Cosa fare prima di cancellare il commento

Ecco come procedere:

1. Scrivi su un foglio il nome dell’utente incriminato oppure fai uno screenshot del suo profilo in modo da poterlo rintracciare e bloccare successivamente.

2. Vai al commento sgradito, tieni premuto su di esso per qualche secondo, finché non compare in alto a sinistra la dicitura “X 1 Selezionato”. In alto a destra hai la possibilità di cancellarlo cliccando sul cestino. Puoi selezionare anche più commenti e cancellarli in massa.

N.B. Sempre in alto a destra puoi segnalare il commento in questione cliccando l’icona del fumetto. Ma anche qui fai attenzione: se segnali il commento, devi attendere una risposta da parte di Instagram. Se lo segnali e poi lo cancelli, Instagram non è più in grado di leggerlo e quindi non può eventualmente sanzionare l’account.

3. Ora entra in scena il foglio su cui hai scritto il nome dell’utente o lo screenshot del suo profilo che hai fatto all’inizio. Cercalo tramite la lente di ingrandimento in basso. Vai nel suo profilo, clicca in alto sui tre puntini e poi su “Blocca”. A questo punto l’account non potrà più vederti, mettere commenti sulle tue foto o scriverti privatamente su Instagram.

Perché vedi sempre gli stessi profili nel feed di Instagram?

Perché non vedi IGTV su Instagram? Dove è finita?

 

Visibilità delle pagine Facebook perché hai pochi like

Visibilità delle pagine Facebook: perché hai pochi like?

In questo articolo affronterò il problema della visibilità delle pagine Facebook. Ricevi pochi mi piace sulla tua pagina Facebook? Nessuno la segue? Oppure hai un buon numero di seguaci ma nessuno mette like ai post che pubblichi? Hai mille, duemila, tremila seguaci ma i like sotto ad ogni post non superano i 10?
Se queste sono le domande che ti fai ogni giorno, qui cercherò di darti una risposta.

Per aumentare la visibilità delle pagine Facebook e ottenere like serve… pagare

Il funzionamento delle pagine Facebook si basa su un insieme di regole, definito “algoritmo”. Queste regole sono cambiate varie volte nel corso della storia di Facebook. Negli ultimi anni i grandi capi di questo social network hanno deciso di dare meno visibilità a tutte le pagine. Perché? Perché se uno vuole ottenere visibilità deve… pagare!

Insomma, la scarsa visibilità della tua pagina non è assolutamente colpa tua. E’ la situazione normale in cui si trovano tutte le pagine, chi più chi meno. Se vuoi ottenere più like e commenti devi semplicemente pagare le sponsorizzazioni tramite la piattaforma adv di Facebook (adv significa “advertising”, cioè “pubblicità”), che si chiama Facebook Ads o Facebook For Business.

Sotto ad ogni post della tua pagina Facebook avrai notato che viene indicato il numero delle persone che hanno messo like, le interazioni e le persone raggiunte.
Per promuovere un post della tua pagina basta cliccare sul pulsante azzurro sotto il post con la scritta “Metti in evidenza il post” per raggiungere più persone. Ovviamente questo ha un costo.

Come vedere se una pagina sta pagando la pubblicità

Di sicuro nella tua navigazione su Facebook ti sarai imbattuto in pagine che hanno molti like sui post. Per vedere se queste pagine pagano le sponsorizzazioni su Facebook è sufficiente andare nella sezione di destra intitolata “Trasparenza della pagina” e cliccare su “Altro”. Ti suggerisco di utilizzare sempre la versione desktop di Facebook (e non la app) quando lavori sulle pagine.

Il riquadro più in basso si intitola “Inserzioni della pagina”. Se leggi “Questa pagina ha inserzioni attive al momento”, puoi andare ad “Accedi alla libreria inserzioni” per vedere quali post sono sponsorizzati. Se questa pagina paga la pubblicità è ovvio che ottiene molti like e commenti: per il semplice fatto che i suoi post appaiono nella bacheca degli utenti!

Tieni presente che vedi solo le sponsorizzazioni attive. I post che sono stati sponsorizzati in passato non li vedrai.

La percentuale di visibilità delle pagine Facebook

Ora parliamo di numeri. Ammettiamo che tu NON voglia pagare la pubblicità. Sai qual’è la percentuale di engagement normale (cioè di like e commenti sui post)? Alcuni dicono che va dallo 0,3% al 3%. Cioè solo lo 0,3% o al massimo il 3% dei tuoi fan vede i tuoi post e mette like e commenti.

Ammettiamo che tu abbia 3mila follower sulla pagina. Al massimo avrai mediamente dai 10 ai 90 like per post, che corrisponde alle persone che lo hanno visto e apprezzato.

Io ho notato che molte pagine hanno un engagement molto più basso di quei valori lì, intorno allo 0,08%. Vedo molte pagine seguite da migliaia di followers ma con 3-4 like sotto ai post e nessun commento. Quindi a mio avviso la percentuale normale di engagement delle pagine è molto più bassa di quello 0,3%.

Vale la pena curare le pagine Facebook, se non si vuole pagare la pubblicità? Ognuno alla fine fa le sue valutazioni…

5 cose da fare prima di aprire una pagina Facebook

Come aprire una pagina Facebook in 4 punti

Perchè non vedi IGTV su Instagram

Perché non vedi IGTV su Instagram? Dove è l’icona IGTV?

Perché non vedi IGTV su Instagram? Dove è finita l’icona? Questa è una domanda che diversi miei amici e lettori del blog mi hanno posto. Nei mesi scorsi l’icona IGTV compariva nella home della app Instagram in alto a destra. Più precisamente era vicino alla freccia della messaggeria “Direct”.

Ti ricordo che l’icona di IGTV è un televisore con un fulmine orizzontale e due antennine sopra. IGTV infatti è nata per essere una vera e propria tv con contenuti in verticale, da visualizzare tramite smartphone.
Ma dove è finita questa icona?

Ecco perché non vedi IGTV su Instagram

Come sai, questa è una funzione in fase di test. Inoltre esiste un’app apposita che si chiama proprio IGTV, scaricabile da Apple Store e Google Play. Probabilmente, l’aver nascosto l’icona è un modo per costringere più utenti a scaricare la app. Instagram su Google Play ha superato il miliardo di download mentre IGTV è ad un milione. L’icona di IGTV esiste ancora nella app Instagram ma è più nascosta. Come fare per trovarla?

Accedere a IGTV tramite la app di Instagram

Per accedere a IGTV dalla app di Instagram, devi cliccare sulla lente di ingrandimento in basso. Si apre la schermata con i contenuti suggeriti da Instagram. In alto vedi i vari contenuti suddivisi per tipologia e magicamente appare l’icona IGTV!

Ti faccio notare che i contenuti IGTV appaiono anche nel feed normale di Instagram, dove ci sono foto e video degli account che segui. Tuttavia puoi visualizzare solo il primo minuto di un video di IGTV. Per continuare la visualizzazione devi cliccare su “Continua a visualizzare il video in IGTV”.

E’ probabile che nei prossimi mesi ci saranno altri cambiamenti nella posizione dell’icona IGTV sulla app Instagram. Staremo a vedere dove la metteranno!

La app IGTV su Google Play o App Store Apple

Se invece ti vuoi cimentare con la nuova app IGTV, basta andare nell’App Store Apple o nel Google Play e scaricare IGTV. Quando si apre hai direttamente tutti (e solo) i contenuti di IGTV. Da questa app non puoi visualizzare il feed ma solo il tuo profilo con i contenuti caricati (foto e video) e i tag.

La IGTV sparirà da Instagram a causa di TikTok?

Come caricare video nella IGTV da pc

E’ utile usare Tag e Hashtag su IGTV di Instagram?

 

Perchè nel feed di Instagram vedi sempre gli stessi profili

Perché vedi sempre gli stessi profili nel feed di Instagram?

In questo articolo ti spiego perché vedi sempre gli stessi profili nel feed di Instagram. Per cominciare capiamo cos’è il feed e soprattutto come funziona.

Quando vuoi postare una foto o un video su Instagram, ti escono due opzioni: Stories o Feed. Intuitivamente la scelta è chiara. La app ti chiede se vuoi postare la foto o il video nelle Storie (quelle che compaiono nella parte alta della app dentro ai cerchietti e rimangono per 24 ore) oppure nel tuo profilo, dove rimangono visibili per sempre (almeno finché non li cancelli). In questo secondo caso i post vanno a finire non solo nel tuo profilo ma anche nella bacheca comune o feed, dove ci sono i post degli utenti che segui.

Il feed di Instagram è esattamente questo: è la bacheca dove condividi contenuti e vedi i post degli altri profili. Instagram ti mostra foto e video che pensa ti possano interessare di più. E’ importante capire questo punto: il feed di Instagram non è cronologico!

Cosa viene mostrato nel feed di Instagram

Nel feed di Instagram ti compaiono varie cose:

1. le foto e i video degli utenti che segui;

2. gli hashtag che segui;

3. gli account suggeriti in base ai tuoi interessi;

4. i post sponsorizzati di utenti che pagano la pubblicità tramite Facebook.

Instagram dice chiaramente che “non nasconde i post delle persone che segui”. Tuttavia il feed non è cronologico ed è Instagram a decidere cosa mostrarti per primo. Ne consegue che molti post che potrebbero effettivamente interessarti vengono mostrati per ultimi e magari devi scorrere molto per poterli vedere.

Le regole del feed di Instagram

Le regole che Instagram utilizza per determinare cosa mostrarti si definiscono “algoritmo” e infatti nel web molti parlano di “algoritmo del feed di Instagram”. Ora ti spiego quali sono queste regole.

Contenuti interessanti: regola n. 1 del Feed

Instagram ti mostra i contenuti che hanno più probabilità di essere interessanti per te. Instagram cerca di capire i tuoi gusti in base agli hashtag e ai profili che segui e ai like e commenti che hai inserito. Se segui molti profili di calciatori e hashtag relativi al calcio e metti like e commenti a foto di partite di calcio, ovviamente darà la priorità a questi contenuti.

Data e ora del post: regola n. 2 del Feed

Instagram afferma che la data e l’ora di pubblicazione del post sono importanti. Cosa intende dire? Avrai notato che spesso ti appaiono dei post vecchi di qualche ora o addirittura di qualche giorno: Instagram crede che siano di tuo interesse e non vuole che te li perdi, anche se sono ormai datati.

A questo punto viene da chiedersi: la data e l’ora sono determinanti o no? Dalla mia esperienza personale, ho notato questo: se pubblico un post in orari e in giorni in cui ci sono molti utenti connessi, la probabilità che venga mostrato subito è alta. Il post raggiunge in fretta un alto numero di like e commenti e continua a riceverne anche nel giorno seguente. Al contrario se pubblico il post in orari e giorni poco frequentati, il post fa fatica a ottenere interazioni, anche a distanza di ore.

Interazioni con il profilo: regola n. 3 del Feed

Instagram tiene in considerazione le interazioni che hai effettuato con il profilo in precedenza: non solo like e commenti ma anche messaggi tramite Direct (la messaggeria privata).

Contenuti di Facebook: regola n. 4 del Feed

Instagram si va a prendere anche i dati della tua attività su Facebook, se hai un account collegato. Ricorda che Instagram e Facebook sono dello stesso proprietario (Mark Zuckerberg). Quindi potresti vedere molti post di utenti che hai come amici su Facebook. Instagram usa i dati di Facebook sui Mi Piace, sugli amici, sulle pagine seguite, sulla tua biografia, sugli interessi indicati, sulle applicazioni di terze parti installate, sui siti a cui accedi tramite l’account Facebook.

Conclusioni sul feed di Instagram

Come abbiamo detto all’inizio, Instagram sostiene di non nascondere o bannare i post di certi profili. Eppure tu ti chiedi: perché vedo sempre gli stessi profili nel feed di Instagram?

Perché il feed di Instagram non è cronologico ma si basa su regole stabilite da Instagram: la app ti mostra prima i contenuti “interessanti per te” e “suggeriti”.

Probabilmente devi scorrere molto in basso per iniziare a vedere i post in base all’ordine cronologico di pubblicazione. Ma di sicuro ti stancherai prima e uscirai dall’app!

E’ possibile cambiare le regole del feed di Instagram e passare ad esempio a vedere i post in ordine cronologico? Direi di no. Tuttavia è possibile modificare in parte le regole del feed di Instagram. Se ti interessa sapere come fare, leggi questo post dove ti elenco 4 suggerimenti.

Come cambiare il Feed di Instagram: 4 suggerimenti

Come vedere i like di Instagram: due metodi che non conosci

 

A cosa serve il cancelletto su Instagram, ovvero gli Hashtag

A cosa serve il cancelletto su Instagram, ovvero gli Hashtag

Per chi non è molto pratico di questa app, vi spiego a cosa serve il cancelletto su Instagram. Lo chiamiamo cancelletto ma in realtà si tratta di una funzione definita “hashtag”.

L’hashtag è il simbolo del cancelletto seguito da una o più parole. Tramite l’hashtag è possibile fare con più facilità le ricerche per tema.
Ricordate che le parole vanno inserite senza spazi: #tortadimele #capellibiondi #fieradelfumetto.

A cosa serve il cancelletto su Instagram: le ricerche per tema

Facciamo un esempio: se dovete andare in vacanza a Lloret de Mar in Spagna e volete farvi un’idea di come è il luogo, potete andare su Instagram e guardare le foto di altri utenti che ci sono stati.

Cliccate sulla lente di ingrandimento in basso nella home di Instagram. In alto vi appare una barra con la lente di ingrandimento sulla sinistra: lì dovete scrivere #lloretdemar.

Vi appaiono una serie di risultati con il conteggio dei relativi post presenti. Clicchiamo ad esempio sul primo che è proprio il nostro hashtag che comprende 659mila post.

La sezione hashtag è suddivisa in (post) “PIU’ POPOLARI” e (post) “RECENTI”. Nella sezione “più popolari” Instagram vi mostra i post con più like e commenti. Nella sezione “più recenti” vi appaiono i post in ordine cronologico.

Potete anche seguire l’hashtag: in alto c’è un pulsante azzurro con scritto “segui”. In tal modo Instagram vi mostrerà le foto più rilevanti dell’hashtag #lloretdemar nella vostra home.

Come usare il cancelletto (hashtag) nei vostri post

Ora che avete visto come funziona un hashtag, potete facilmente utilizzarlo anche nei vostri post. Instagram consente l’utilizzo di un massimo di 30 hashtag per post. Potete inserirne 30 o di meno, in base al vostro gusto personale. Fate in modo che gli hashtag siano sempre inerenti alla foto: non usate hashtag come #food se all’interno della foto non c’è cibo. Se inserite gli hashtag giusti, la vostra foto verrà trovata con più facilità dagli utenti che seguono o cercano un determinato hashtag.

Anche in tal caso facciamo un esempio: volete postare la foto che avete scattato durante la vostra vacanza a Lloret de Mar. Gli hashtag potranno essere #lloretdemar #spain #barcelona #costabrava #summer #españa #sea #party #travel #catalonia #beach #vacanza.
Se all’interno della vostra foto ci siete voi con un paio di scarpe nuove, potete inserire anche #sneakers #moda #fashion.
Se nella foto siete insieme all’amore della vostra vita, inserite anche #love #romantic #lunadimiele e tutto quello che vi passa per la mente legato all’amore.

Non è obbligatorio inserire hashtag sotto un post di Instagram, soprattutto se non volete rendere pubblica la vostra foto. Se invece siete alla ricerca di like allora gli hashtag sono d’obbligo e vi sono davvero indispensabili per ottenere nuovi seguaci.

E’ utile usare Tag e Hashtag su IGTV di Instagram?

Come vedere i like di Instagram: due metodi che non conosci

 

Come si calcola l’engagement su Instagram

Come si calcola l’engagement su Instagram

Nonostante il recente oscuramento dei like, è importante capire come si calcola l’engagement su Instagram. L’engagement è il valore che indica quanto piace un profilo Instagram e che consente di smascherare i profili che hanno acquistato i follower.
Il numero di follower oggi è l’unico dato che salta all’occhio ma non è fondamentale come l’engagement.

Cos’è l’engagement

Con engagement (coinvolgimento) si intende la percentuale di utenti che interagiscono con i post tramite like e commenti.
Nell’articolo precedente abbiamo visto come poter rilevare i like ai post dopo l’oscuramento del 2019. Se volete calcolare in autonomia la percentuale di engagement di un profilo Instagram (il vostro o di un altro utente), ecco la procedura.

Come si calcola l’engagement su Instagram manualmente

1. Prendete in considerazione gli ultimi 10 o 15 post pubblicati (qui potete leggere l’articolo che vi spiega come vedere il numero di like e commenti).
2. Fate una somma di tutti i like e i commenti e poi dividete per il numero di post considerati (10 o 15).
3. A questo punto avete ottenuto la media dei like e commenti per post. Ma a noi interessa la percentuale di engagement, cioè quante interazioni ottiene quel profilo sul totale dei suoi follower.
4. Per ottenere la percentuale di engagement fate una proporzione tra il numero totale dei follower e la media di interazioni.

[(Somma di like+commenti degli ultimi 10 post : 10) x 100] : numero totale di follower

Facciamo un esempio. Un profilo ha in media 150 like e commenti per ogni post. Il totale dei suoi follower è 1.300.
Il calcolo è questo:

150 x 100 : 1.300 = 11,53%

La percentuale ottimale di engagement

A questo punto voi vi starete chiedendo: ma come facciamo a sapere se il valore ottenuto indica che il profilo è valido o meno? Ci sono delle tabelle che mostrano quali sono i valori ottimali di engagement in base al numero totale di follower. I range possono variare da una fonte all’altra, ma di poco.

Tasso di Engagement medio

5.60% Numero di follower tra 1.000 e 5.000

2.43% Numero di follower tra tra 5.000 e 20.000

2.15% Numero di follower tra 20.000 e 100.000

2.05% Numero di follower tra 100.000 e 1milione

1.97% Oltre 1milione di follower

I valori indicati sono valori medi. Ciò significa che possono esserci profili con engagement molto basso e questo ci fa sospettare che abbiano acquistato i follower o che non siano molto apprezzati dagli utenti. E possono esserci profili con engagement molto più alto della media, perché evidentemente sono account che piacciono.

Da questa tabella avrete visto che il tasso di engagement diminuisce all’aumentare del numero di follower e questa è una regola imposta dal funzionamento di Instagram. In ogni caso un engagement del 2,05% su un milione di follower equivale a 20.500 interazioni medie per ogni post, che è un valore molto alto. Mentre un 5,60% su 5.000 follower equivale a 280 interazioni medie per post.

Nel prossimo articolo vi parlo dei tool gratuiti per calcolare in automatico la percentuale di engagement. Alcuni li avevamo già visti in questo articolo.

Come vedere i like di Instagram: due metodi che non conosci

Come cambiare il Feed di Instagram: 4 suggerimenti

E’ utile usare Tag e Hashtag su IGTV di Instagram

E’ utile usare Tag e Hashtag su IGTV di Instagram?

Serve a qualcosa inserire Tag e Hashtag su IGTV di Instagram? In questo articolo vi spiego come funziona la ricerca di IGTV e come indicizzare al meglio i video di lunga durata che caricate nel vostro canale.

Come avete notato, i video di IGTV compaiono nel feed allo stesso modo delle foto e dei video brevi tradizionali. Instagram sta puntando molto su questa funzionalità, perché vuole scalzare il primato di YouTube.

Nei precedenti articoli vi ho spiegato come caricare i video di lunga durata nella IGTV da app e come caricare i video da pc. Vi ricordo che tutti i video devono avere una durata minima di 1 minuto. Se caricate da app la durata massima è 15 minuti mentre se caricate da pc la durata massima è di 60 minuti.

Sulla IGTV il vostro profilo viene definito “canale”. In pratica voi potete avere un profilo Instagram ma non aver ancora aperto il relativo canale IGTV. Ma se avete un canale IGTV avete sicuramente il profilo Instagram. Nel precedente articolo vi ho spiegato come aprire un canale IGTV.

Come funziona la ricerca nella IGTV?

Prima di capire se è utile usare Tag e Hashtag su IGTV, dobbiamo comprendere le regole che stanno alla base della ricerca in IGTV.

Su Instagram gli utenti possono trovare i contenuti di loro interesse tramite la funzione di ricerca. Per fare una ricerca su Instagram, basta posizionarsi nel feed (la classica bacheca che vi appare quando aprite Instagram).

Cliccate sulla lente di ingrandimento che trovate sotto. Nella parte alta avete una serie di voci: IGTV, Vetrina, Decorazione, TV e film, Videogiochi, Auto, Stile, Musica, ecc. Praticamente i contenuti vengono suddivisi per categoria.

Se cliccate su IGTV, avete accesso a tutti i video di lunga durata caricati nella sezione IGTV. Anche qui c’è una lente di ingrandimento in alto che vi permette di fare una ricerca per parola chiave.

In questa sezione della IGTV i contenuti non possono essere ricercati tramite hashtag ma solo per tag o parole chiave. La ricerca per tag (anteponendo la classica chiocciola alla parola) è una ricerca per nome utente. Vi compaiono solo gli utenti che hanno un canale IGTV aperto. Se fate una ricerca per parola chiave (ad esempio “halloween make up”) vi compaiono solo i profili che hanno quella parola chiave nel loro nome utente. La ricerca per hashtag su IGTV non funziona.

Ricapitolando: la funzione di ricerca all’interno della IGTV vi restituisce come risultati solo i canali, cioè utenti che hanno caricato dei video nella IGTV. Non vi appaiono video specifici che contengono nella dscrizione o nel titolo le parole chiave da voi cercate.

I profili che non hanno il canale IGTV non appaiono. 

Perchè serve usare Tag e Hashtag su IGTV

Allora la domanda è: è utile usare Tag e Hashtag su IGTV quando si carica un video, dato che IGTV indicizza solo i nomi utente? A mio avviso si.

Quando caricate un video nella IGTV è utile inserire nel titolo e nella descrizione le parole chiave che identificano il contenuto. Scrivete una descrizione dettagliata, assieme agli hashtag ed eventualmente a qualche tag di altri profili.

Instagram può mostrare i tuoi video nella sezione di ricerca (quella a cui si accede dalla home cliccando sulla lente di ingrandimento). Per catalogare i vostri video la app utilizza sicuramente i dati inseriti nella descrizione e nel titolo. Inoltre i video che caricate in IGTV appaiono anche nel vostro profilo.

Nella IGTV vi consiglio di non utilizzare troppi hashtag e tag, in quanto Instagram potrebbe avere difficoltà a classificare il vostro video e lo mostrerebbe solo ad utenti non interessati ad esso. Una decina di Hashtag e/o Tag (i più famosi e comunque inerenti al video) sono sufficienti.

La IGTV sparirà da Instagram a causa di TikTok?

Come cambiare il Feed di Instagram: 4 suggerimenti

Come caricare video nella IGTV da pc

 

cambiare il feed di instagram

Come cambiare il Feed di Instagram: 4 suggerimenti

In questo articolo vi spiego come cambiare il feed di Instagram. Il feed (per chi non sa cosa sia) è la pagina principale dove vedete le foto e i video degli utenti che seguite.

Come avrete notato, l’ordine dei post su Instagram non è cronologico. Vi può comparire un post pubblicato 12 ore prima e subito dopo un post appena pubblicato. Chi decide quali post far comparire e con quale frequenza? Lo decide Instagram sulla base di alcuni parametri.

Ad esempio vengono mostrati i post degli utenti con i quali avete interagito di più (messaggi, like, commenti). Oppure i post che ricevono molti like in breve tempo. Solo gli addetti ai lavori conoscono perfettamente le regole che stanno dietro al funzionamento del feed.

Quindi voi adesso vi state domandando: è possibile modificare il feed? Se siete stanchi di vedere sempre i post delle stesse persone, ecco 4 suggerimenti per cambiare il feed di Instagram.

1. Fare la pulizia della cronologia di ricerca

Alcuni suggeriscono di svuotare la cronologia delle ricerche. Qui vi spiego come eseguirla.

Quando siete nella pagina del feed (quella dove vedete i post degli utenti che seguite) cliccate sulla lente di ingrandimento sotto e poi cliccate sulla dicitura grigia “Cerca” in alto. Vi compaiono le ultime ricerche che avete eseguito.

Cliccate su “Mostra tutti” e poi su “Cancella tutto”. Verranno eliminate le ricerche effettuate per account, luoghi e hashtag.

Tuttavia le vostre preferenze rimangono memorizzate sulla app: infatti se ritornate nella funzione di ricerca, Instagram vi mostra dei profili “suggeriti”, che corrispondono alle vostre ricerche più frequenti.
Ecco perché è importante seguire anche i prossimi suggerimenti.

2. Usare la funzione “Silenzia i post e le storie”

Se i post e le storie di determinati utenti vi compaiono troppo spesso, potete procedere in questo modo.

Silenziare i post

Dal feed di Instagram appena vedete il post di un utente che preferite vedere di meno, cliccate sui tre puntini in alto al post. Poi cliccate su “Silenzia”. Potete scegliere di silenziare solo i post, oppure i post e la storia. Da quel momento non vederete più i post di quell’utente, anche se continuerete a seguirlo. E se lui è un vostro follower, continuerà ad esserlo.

Silenziare le storie

Se volete silenziare un utente che vi compare troppo nelle storie, procedete in questo modo. Posizionatevi nella parte alta del feed, in modo da vedere i cerchietti con le storie (ma non aprite le storie). Quando vi appare la storia dell’utente da silenziare, tenete premuto il dito su di essa. Vi compare un menu con due voci: “Visualizza profilo” e “Silenzia”. Cliccate su “Silenzia”. Potete disattivare la storia oppure la storia e i post. Da questo momento in poi non vedrete più le storie di questo utente ma continuerete ad essere tra i suoi follower.

Questo metodo del “silenziare” è un po’ laborioso, perché dovete intervenire su ogni profilo che volete eliminare dal vostro feed o dalle storie. Inoltre non vi garantisce che poi nel feed vedrete sicuramente i post degli altri utenti che vi interessano.

3. Interagire con i profili che interessano

Questo può sembrare un metodo scontato ma in realtà non lo è. Anzi, in base alla mia esperienza è un metodo funzionante. Instagram vi mostra i post dei profili con i quali avete interagito più spesso, quindi non vi resta altro da fare che mettere like, commentare i post e le storie dei profili che vi piacciono!

Un passaggio ulteriore è di attivare le notifiche relative all’account di vostro interesse. Come si fa? Quando nel feed vedete un post di un utente che volete vedere con più frequenza, cliccate sui tre puntini in alto a destra del post. Poi su “Attiva le notifiche relative ai post”. Da quel momento in poi riceverete una notifica quando l’utente pubblica qualcosa.

4. Usare la lista Amici più stretti per cambiare il feed di Instagram

Un ultimo suggerimento non meno importate: su Instagram potete creare la vostra cerchia di amici preferiti. Come?

Dal vostro profilo cliccate sulle tre lineette in alto a destra e poi su “Amici più stretti”. Si apre l’elenco degli account che seguite.

Cliccate su quelli che vi interessano e poi su “Crea una lista”. Potete aggiungere altri account a questa lista anche in un secondo momento.

Instagram ha creato questa funzione per permettervi di condividere contenuti solo con determinati utenti che sono i vostri amici più stretti. In realtà la app tiene in considerazione questa vostra scelta e in automatico vi mostrerà più post e storie di questi utenti.

Come vedere i like di Instagram: due metodi che non conosci

5 cose da fare prima di aprire una pagina Facebook

 

Come vedere i like di Instagram due metodi che non conosci

Come vedere i like di Instagram: due metodi che non conosci

In questo post vi spiego come tornare a vedere i like di Instagram. Come ben sapete, la decisione di Mark Zuckerberg di oscurare la visibilità dei like di post e video ha lasciato spiazzati un po’ tutti lo scorso luglio 2019.

Quella dei like è una delle principali funzioni dell’applicazione Instagram: i like sono un indice di popolarità e gradimento. Tuttavia la “corsa ai like” stava avendo dei lati negativi: in primis la frustrazione per chi non ne riceveva abbastanza, con il conseguente abbandono dell’app. In secondo luogo molti ricorrevano a vie non proprio ufficiali e oneste, andando a comperare i like tramite applicazioni e bot creati da altre società informatiche.

Instagram non è mai riuscito a risolvere completamente questi problemi. Da qui la decisione di eliminarli alla radice. Oggi nessuno vede i like sui video e le foto degli altri. Può vedere solo i like ai propri post.
Tuttavia è ancora possibile vedere i like di Instagram sulle foto e sui video di altri utenti in due modi semplici. Qui ve li spiego.

Vedere i like di Instagram dal sito

Un metodo molto banale e che non richiede l’installazione di alcun software per vedere i like di Instagram è guardare il sito da desktop.
Basta accedere da pc al sito www.instagram.com con le proprie credenziali (nome utente e password). Vi si apre subito la home di Instagram nella quale vedete già i post e i video con i like. Se volete controllare i like di un utente specifico, digitate il suo nome nella barra in alto. Vi basta solo passare il mouse sopra la foto per vedere il numero di like e commenti.

I tool gratuiti online per le statistiche di like e commenti

Un altro metodo molto veloce per capire come sta funzionando il profilo di un altro utente consiste nell’usare dei tool gratuiti online che vi offrono statistiche interessanti.

Uno di questi ad esempio è Ninjalitics. E’ sufficiente inserire il nome utente di un profilo Instagram e cliccare su “Analizza”. Otterrete la media dei like per post, la media dei commenti e la media di visualizzazioni dei video. Ninjalitics vi offre anche il dato sull’engagement, ovvero la percentuale di utenti che interagiscono con il post, e vi dice se quel profilo ha un engagement alto o basso. Sotto avete anche un grafico che vi mostra la crescita del profilo nel corso degli ultimi mesi e altri dati statistici approfonditi.
Esistono molti altri tool come questo, ad esempio Phlanx. Per trovarli vi basta cercare su Google “instagram engagemente calculator”.

Come caricare video nella IGTV da pc

Come caricare video nella IGTV da app

 

caricare video nella igtv da pc

Come caricare video nella IGTV da pc

In questo articolo vediamo la procedura per caricare video nella IGTV da pc. Nell’articolo precedente abbiamo visto come caricare video da app. Ecco uno dei vantaggi offerti da questa procedura: si possono caricare video di durata compresa tra 1 e 60 minuti, mentre da app la durata non può superare i 15 minuti.

Da pc andate al sito web www.instagram.com e accedete con user (il vostro nickname) e password. Vi troverete nel vostro profilo Instagram con visualizzazione desktop.

La procedura per caricare video nella IGTV da pc

1. Cliccate sull’icona dell’omino in alto a destra e verrete indirizzati al vostro profilo. Da lì cliccate sulla voce IGTV con l’icona della tv. Questa icona si trova sotto la vostra immagine del profilo, sotto la descrizione e sotto eventuali storie in evidenza. E’ compresa tra il menu “POST” e il menu “ELEMENTO SALVATO”.

2. Da pc non vedete i contenuti di IGTV ma vi si apre subito la maschera per caricare i video. Cliccate sul pulsante azzurro “Carica” per caricare video presenti nel vostro pc.

3. Inserite una copertina, il titolo e i dettagli, come avviene da app. Per la copertina è richiesto un file JPG o PNG di dimensione minima 492 x 762 pixel. Da pc c’è una limitazione: qui non è possibile scegliere la copertina tra i fotogrammi del video, ma solo fare l’upload di un’immagine da pc. Inoltre sia da app che da pc la scelta della copertina è irreversibile. Non potete cambiarla, potete solo cancellare il video e ricaricarlo, scegliendo un’altra copertina.
Copertina, titolo e dettagli E’ possibile inserire una immagine di copertina, un titolo, i dettagli del video con qualche hashtag. L’immagine di copertina deve avere dimensioni 420 x 654 pixel (rapporto 1:1.55) e una volta caricata non è possibile modificarla, quindi scegli bene! Il titolo e la descrizione possono essere modificati. Basta visualizzare il video dopo averlo caricato: fate tap sullo schermo e vi appare un menù sotto. Cliccate sui tre puntini in basso e poi su Modifica. Tuttavia ho notato che questa modifica da pc è impossibile mentre funziona da app.

4. Potete pubblicare un’anteprima nel proprio profilo e nel feed, lasciando il flag nella casellina. Il video può essere pubblicato solo su Instagram oppure anche su Facebook; in questa seconda ipotesi vi viene richiesto di accedere a Facebook. Da pc potete anche salvare una bozza, cosa che non si può fare da app.  Se salvate una bozza, la troverete sempre nella sezione IGTV sotto la voce “Visualizza le bozze”.

Vantaggi e svantaggi di caricare video nella IGTV da pc

Abbiamo capito quindi che caricare video nella IGTV da pc offre alcuni vantaggi: i video possono superare i 15 minuti di durata e si possono salvare in bozza.

Gli svantaggi riguardano i metadati dei video. La copertina non si può scegliere tra i fotogrammi del video; si può solo caricarla da pc. Inoltre non sembra possibile modificare il titolo e la descrizione da pc ma solo da app. Da pc si vede il menu dei tre puntini ma non è cliccabile. Anche la riproduzione del video da pc non è possibile e sembra bloccata. 

Ricordate che la visibilità del vostro canale IGTV (e quindi dei video in esso contenuti) dipende dalle impostazioni del profilo: se avete un profilo privato, solo i vostri amici lo vedranno.

Come caricare video nella IGTV da app

La IGTV sparirà da Instagram a causa di TikTok?

 

 

caricare video nella IGTV da app

Come caricare video nella IGTV da app

Instagram offre la possibilità di caricare video nella IGTV da app e anche da pc. Per chi ancora non conosce IGTV, si tratta di un servizio di Instagram nato nel 2018, che consente di aprire un canale molto simile a YouTube, dove i video vengono visualizzati in verticale.

Avrete capito quindi che su Instagram ci sono due sezioni dove si possono caricare i video. Una è il classico e vecchio “feed” o “bacheca” o “home page”, con il limite però dei 60 secondi di durata e il rispetto degli standard di formato di un’immagine. L’altra è la nuova IGTV dove i video possono superare i 60 secondi e il formato del video è verticale.

Aprire un canale su IGTV

Per aprire un canale su IGTV è sufficiente avere un profilo Instagram attivo, cliccare sulla IGTV e caricare un primo video: il canale sarà subito attivo. I file devono essere in formato MP4. Ecco come funziona nello specifico.

Per prima cosa effettuate l’accesso a Instagram dalla app Instagram.

Procedura per caricare video nella IGTV da app

1. Vi trovate nella bacheca principale (o “feed”). Cliccate sulla lente di ingrandimento che vedete sotto. In alto a sinistra vi compare l’icona della IGTV (una tv con un fulmine orizzontale e due antennine sopra e di fianco la scritta IGTV). Cliccate su questa icona e verrete indirizzati alla home page di IGTV, dove vi appaiono i contenuti caricati da altri utenti. Cliccando sul + in alto a destra, si apre la galleria del vostro smartphone, con la possibilità di scegliere un video da caricare. Il video deve avere una durata compresa tra 1 e 15 minuti. Se invece lo caricate da web (come vedremo nel prossimo articolo) la durata si estende a 60 minuti.

2. Dopo aver scelto il video, inserite a piacimento un’immagine di copertina, da scegliere tra i fotogrammi del video o da scegliere tra le foto presenti nel vostro smartphone. L’immagine di copertina non è modificabile, quindi fate attenzione nella scelta. Inserite un titolo e una descrizione. Instagram vi chiede di aggiungere il video ad una serie. Infatti, se volete, potete cliccare su “Crea la tua prima serie” e dare un titolo. Andrete così a creare una specie di playlist tematica.

3. Lasciate selezionata la voce “Pubblica un’anteprima” in modo che il video compaia nel profilo o nel feed. Se invece volete che questo non accada, togliete la selezione e il video sarà visibile solo nella IGTV. In questa fase potete anche modificare la copertina del video, cliccando sulla relativa voce. Potete rendere il contenuto visibile su Facebook e sulla relativa sezione Watch, ma in tal caso dovete collegare Instagram al vostro profilo Facebook.

4.  Quando avete completato tutti i campi, potete pubblicare il video. La barra di caricamento del video appare più o meno al centro della schermata IGTV. Al termine vedete il vostro video a tutto schermo che viene riprodotto.

A questo punto il canale si è creato in automatico. I vostri video della IGTV vanno a finire nel profilo. Dove precisamente? Se siete nella schermata del feed, cliccate sull’icona della vostra immagine in basso a destra e vi ritrovate nel profilo. Sotto le storie in evidenza ci sono ora tre icone di colore grigio (prima erano solo due). Un’icona quadrata, l’icona della tv e quella di un omino dentro un riquadro. Cliccate sull’icona della tv e vedrete il video appena caricato.

La app IGTV

Esiste anche la app IGTV. Praticamente è una app dentro alla app Instagram. Il suo funzionamento è uguale a quello di Instagram. Quando la aprite, vi trovate subito dentro la IGTV. Per vedere i vostri video, cliccate sui tre puntini in alto a destra e su “Visualizza profilo”. Verrete rimandati al vostro profilo diviso in tre sezioni: foto e video, IGTV e tag. Tuttavia non vedete il feed di Instagram, cioè i contenuti postati dai profili che seguite.

A mio avviso la app di IGTV è superflua, essendo una versione ridotta dell’app Instagram.

Nel prossimo articolo vediamo come caricare video nella IGTV da pc e i suoi vantaggi.

Come caricare video nella IGTV da pc

La IGTV sparirà da Instagram a causa di TikTok?

 

Come aprire una pagina Facebook in 4 punti

Come aprire una pagina Facebook in 4 punti

In questo post vi spiego come aprire una pagina Facebook in 4 punti. Nel precedente articolo abbiamo visto come prepararsi ad operare sui social network e come organizzare il materiale. Ora entriamo nello specifico e vediamo passo dopo passo come creare la propria vetrina su Facebook.

1. Occorrente: profilo Facebook attivo, immagine per la pagina e per la copertina

Prima di tutto vi occorre un profilo Facebook aperto a vostro nome e cognome o qualunque altro profilo personale Facebook che possiate utilizzare voi (ad esempio quello di un familiare). Inoltre vi servono un’immagine da utilizzare come logo e un’altra immagine da usare come copertina della pagina. Per realizzare queste due immagini vi suggerisco di utilizzare piattaforme come Canva o Picsart, che forniscono i formati esatti. Un’immagine del profilo e un’immagine di pagina devono avere minimo 170×170 pixel. Se i valori sono superiori va benissimo, avrà sicuramente una resa migliore. In ogni caso Facebook riduce in automatico le immagini di dimensioni troppo grandi, quindi voi non dovete preoccuparvi di nulla.
Per quanto riguarda l’immagine di copertina c’è da fare una distinzione. La visualizzazione sarà diversa da computer a mobile. Su computer sono richiesti minimo 820×312 pixel mentre da mobile 640×360 pixel. Leggendo questi valori avrete già capito che la copertina è rettangolare ma su mobile è leggermente più quadrata rispetto alla versione desktop. In ogni caso, se volete inserire del testo nella copertina evitate di posizionarlo troppo a sinistra, in quanto verrebbe coperto dall’immagine del profilo di pagina.

2. Come aprire una pagina Facebook: inserire nome, categoria, riferimenti generali

Aprite il vostro profilo Facebook. Da pc in alto a destra trovate la dicitura “Crea”. Da mobile cliccate sulle tre lineette in alto destra e poi su “Crea Nuova Pagina”. La procedura è guidata ed è semplicissima. Vi viene richiesto di scegliere se la vostra è un’azienda/brand oppure una community/personaggio famoso. Scrivete il nome della pagina e assegnategli una categoria tra quelle proposte. Se avete scelto azienda/brand, vi vengono richiesti anche indirizzo e facoltativamente il numero di telefono. Mettete il flag nella casellina se non volete che compaia l’indirizzo: verranno mostrate solo la regione e la città. Cliccate su “Inizia” e la pagina è già creata!

3. Caricare immagine principale e copertina

Vi verrà richiesto di inserire un’immagine del profilo e un’immagine di copertina. Voi le avete già create nel primo step tramite Canva o Picsart. Potete saltare questi passaggi e caricare le immagini in un secondo momento. Se operate da computer basterà cliccare sul + presente nell’immagine della pagina a sinistra e su “Aggiungi una copertina” scritto nel banner rettangolare in alto al centro. Se state operando da mobile, vedete invece due macchine fotografiche posizionate sui due riquadri, che andranno a contenere le immagini.

4. Aggiungere le Informazioni sulla pagina

A questo punto la vostra pagina è stata creata ma non è ancora completa di tutti i riferimenti. Vi suggerisco di completare prima di tutto la parte relativa alle informazioni. Per farlo, andate in alto a destra su “Impostazioni” e sulla seconda voce a sinistra “Informazioni sulla pagina”. Da mobile cliccate sui tre puntini sotto la copertina e sotto la foto del profilo, poi su “Modifica Impostazioni” e “Informazioni sulla pagina”. Completate a piacimento i riferimenti che vi vengono richiesti: contatti, luogo, orari di apertura, sito web, descrizione.

Le pagine sono strumenti dotati di numerose funzioni, che vedremo meglio nei prossimi articoli. Per ora abbiamo visto come aprire una pagina Facebook e la vostra vetrina è pronta. Potete inziare mandando gli inviti ai vostri amici per mettere Mi piace e soprattutto potete iniziare a postare il materiale che avete creato nelle due settimane di preparazione (di cui abbiamo parlato nel precedente articolo). Ricordate di postare molti contenuti nel primo mese, perché la vostra pagina è vuota e dovete riempirla! Si raccomandano almeno 25-30 contenuti (foto, video, testi) nei primi 30 giorni.

5 cose da fare prima di aprire una pagina Facebook

 

5 cose da fare prima di aprire una pagina Facebook

5 cose da fare prima di aprire una pagina Facebook

In questo articolo vediamo quali sono le 5 cose da fare prima di aprire una pagina Facebook. La lista raccoglie alcuni semplici suggerimenti per dare alla vostra vetrina sui social una marcia in più.
La procedura per aprire una pagina è molto facile e veloce, non richiede grandi competenze e nel prossimo post lo vedremo insieme. La maggior parte del lavoro va fatta prima!

Potete leggere questo articolo sia se dovete aprire una nuova pagina Facebook, sia se avete già una pagina Facebook attiva e volete capire se avete operato correttamente.
Ecco le 5 cose da fare prima di aprire una pagina Facebook e che richiedono circa una decina di giorni di lavoro.

1. Spiare la concorrenza (16 ore)

Prima di far partire un qualsiasi tipo di business è buona cosa spiare la concorrenza. Ponetevi un po’ di domande. Che concorrenti ho sul web? Come sono strutturati? In quali social network sono presenti? Hanno un sito web? Quanti follower hanno? Che contenuti postano? Sia foto che video, oppure solo immagini? Che tipo di immagini?
Prendete in considerazioni i concorrenti che hanno ottenuto i risultati migliori e provate a capire dove sta la chiave del loro successo. Quanto tempo vi servirà per fare questo? Approssimativamente 2 giorni di lavoro (16 ore) ma se il vostro settore è molto complesso potete prendervi anche qualche ora in più.

2. Stendere il calendario editoriale (8 ore)

A questo punto è necessario mettersi a tavolino e decidere quali contenuti postare. Utilizzate il materiale raccolto nella prima fase, quando avete spiato la concorrenza. Dovete decidere qual’è il vostro stile per le foto, i video, i testi dei post. Date uniformità ai vostri contenuti in termini di qualità delle immagini, colori, soggetti. Non usate video di bassa qualità mescolati con video di alta qualità.
Se non avete materiale pronto, fate un calcolo di quanto tempo vi servirà per produrlo in termini di giorni o settimane. Poi scrivete quale sarà il giorno dell’inaugurazione della vostra pagina, il momento in cui posterete il primo contenuto. Per la stesura del calendario editoriale potete calcolare una giornata di lavoro.

3. Preparare il materiale: almeno 25-30 contenuti nel primo mese (24 ore)

Come avrete già capito, partire senza materiale già pronto è come non partire. Una pagina senza contenuto non produce nulla. A partire dal giorno in cui postate il primo contenuto, non dovete mollare il colpo. Il primo mese forse è il più duro perché la vostra pagina è quasi vuota. Per questo è importante arricchirla. Dovete postare almeno 25-30 contenuti nel primo mese: quindi i post vanno preparati prima! E’ un grave errore aprire la pagina senza materiale da pubblicare. Non pensate “intanto apro la pagina e poi decido cosa mettere” perché al 98% non posterete nulla o quasi nulla.
Questa fase è un po’ più lunga. La preparazione di foto, video e testi dei post vi porterà via circa 2/3 giorni.

4. Almeno 15-20 contenuti per il secondo mese (16 ore)

Nel corso del primo mese vi farete un’idea di quali sono i contenuti preferiti dai vostri utenti, quindi sarebbe un po’ azzardato preparare in anticipo i contenuti per il secondo mese. In ogni caso vi suggerisco di preparare almeno 15-20 post per il secondo mese, che vi saranno molto utilise  inizialmente vi capitano degli inconvenienti e il tempo scarseggia. Nella fase 3 avete impato a fare i post e a preparare foto e video, perciò in questa fase 4 non ci perderete più di 1/2 giorni.

5. Preparare i contenuti per gli altri social e per il sito (16 ore)

In parallelo con la pagina Facebook ricordate che potete aprire anche il profilo Instagram ed eventualmente i profili su altri social (Twitter, YouTube, TikTok, ecc.). E’ importante lavorare in parallelo nei vari social e anche sul vostro sito (se ne avete uno). Immaginate che i vostri fan di Facebook vogliano seguirvi anche sugli altri social, vadano a vederli e li trovino vuoti e abbandonati. Sarebbe una vera caduta di stile! Piuttosto non aprite altri social oltre a Facebook. I contenuti da postare in parallelo possono essere gli stessi di Facebook, tuttavia vanno adattati come forma e lunghezza alle varie piattaforme. Questa fase vi porterà via non più di 1/2 giorni.

Riflessioni conclusive sulle 5 cose da fare prima di aprire una pagina Facebook

Ovviamente le ore di lavoro che ho indicato sono approssimative e molto dipende dalla complessità del vostro settore, dal business che volete proporre e anche dalla vostra abilità.
In ogni caso il succo del discorso è questo: non serve aprire una pagina Facebook senza contenuti e senza preparazione.
Nel prossimo articolo proviamo a vedere come si apre concretamente una pagina Facebook.

Come aprire una pagina Facebook in 4 punti